Mentre vi scrivo, fuori è tutto un frantumar di vetri.

Torniamo un po' a parlare di piscina, sennò magari pensate che ho mollato.
Invece no, il corso continua e posso dire che quasi quasi mi sto abituando al nuovo istruttore.
Certo mi ha soprannominata "artrite";
ok, mi prende in giro quando faccio qualche esercizio in modo poco corretto;
mi fa il verso quando dico che ho paura;
mi fa ridere mentre nuoto causandomi bevute impreviste di acqua clorata;
mi ha spinta in acqua mentre stavo trovando il coraggio di tuffarmi (sperando che nel frattempo cambiasse idea e ci mandasse negli spogliatoi - visto che la lezione era praticamente finita da 5 minuti);
ma per il resto direi che sto imparando molto da lui e ho fatto buoni progressi. Gli do atto di essere un bravo istruttore e quindi lo perdono. :D
Unica nota negativa: il mio compagno di corso aka Jerry Calà dei poveri.
Speravo che, viste le ripetute assenze, si fosse ritirato; o avesse cambiato orario.
Invece no. C'è ancora. Lui e i suoi capelli lunghi sciolti. Che mi chiedo cosa se la metta a fare la cuffia se poi tanto gli copre solo il 20% di capelli.

Commenti

Conte di Montenegro ha detto…
Gli istruttori di nuoto sono come gli intrattenitori dei villaggi vacanze! Nessuno rimorchia come loro!
Luci ha detto…
Altro che rimorchiare, EGLI attenta alla mia vita! :D
L'unica cosa in comune coi villaggi vacanze è il sosia di Jerry Calà, direttamente da Professione Vacanze (We are the world, we are the village!)

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Lo scaldanaso esiste!

Si fa presto a dire "catena"...