Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2011

Feste di catechismo in piscina.

- Sapete quando nei vari giornali vi consigliano, per sfuggire alla monotonia, di apportare dei piccoli cambiamente alla vostra routine, tipo di fare un tragitto diverso per andare al lavoro?
Siccome in superstrada stanno rifacendo l'asfalto, e volendo evitare di respirare catramosi fumi che quest'attività comporta, ma anche per limitare il ritardo che l'intasamento che inevitabilmente si crea mi avrebbe fatto accumulare, ho fatto un'altra strada. Wow che bello! Non che questo abbia risollevato il mio pomeriggio, alla fine l'unico cambiamento è che vedi più traffico in zone in cui di solito passi di sera o nel week end. Insomma, noia. E' più divertente il tragitto che faccio di solito. E non ci sono semafori ma un'unica rotonda a spezzare il ritmo.

- Ieri sono uscita a prendere la posta. O meglio, a controllare se ci fosse posta. Infatti non c'era nulla. Allora ho richiuso la cassetta della posta, peccato che la chiave non volesse uscire dalla serratura. …

Parco magliette.

Stamattina era una di quelle mattine in cui non sapevo come vestirmi. Ma proprio zero idee. Tutte le polo sono in fase di asciugatura, le altre maglie accettabili sono da lavare.
Restava solo una magra scelta: attingere dai capi "da festa" (ossia maglie e/o camicie un po' più belle che metto per uscire la sera o nei week end), oppure disperarsi e stare a casa dandomi malata.
Ok c'erano 2 maglie lunghe pulite e disponibili, ma coi jeans larghi non stanno bene.
Altre magliette della misericordia, da povera stracciona, che state sicuri, se avessi messo una di quelle come minimo oggi capitava qui Barack Obama.
Stavo per prendere a calci il cassetto delle maglie per scaricare tutto il mio disappunto (si tenga presente che tutta questa scena di travaglio emotivo si è svolta alle 8 di mattina, orario in cui di solito dovrei essere già in cucina a fare colazione o comunque almeno vestita e pettinata), quando sbuca in un angolo un lembo fucsia.
Cavoli. Idea geniale! La maglia fucs…

Salutare non è salutare.

L'altro giorno sono stata ad un divertente incontro, sempre nel giardino della biblioteca, con Angela Rafanelli. Ah, i vip. Ogni volta un'emozione. Mentre sono seduta su una panchina che aspetto che inizi la serata, la vedo girare per il giardino con aria pseudo smarrita. Eccola eccola! Si avvicina, passa a un metro e mezzo da dove sono io, mi sembra che mi guardi pure in faccia! Beh, io che ho fatto? Le ho detto "Ciao!". Ok, chi mi conosce? Ma chi sono? Ma cosa voglio? Però insomma, sei qua per incontrare la gente, vaghi sola per un giardino (pieno di gente), facile che qualcuno ti fermi.
Logico.
Com'è logico che al mio saluto segua un silenzio di tomba misto ad erba del deserto rotolante mentre la Rafanelli prosegue nel suo vagare.
Esiste anche una pagina su Facebook per queste spiacevoli situazioni, penso di essere pure iscritta (mi meraviglierei del contrario).
Che senso di vuoto, che timore del dileggio altrui (chè sicuramente qualcuno avrà assistito alla scena,…

Ho la morte nei geni.

Immagine
Atene mappamondo.
Atene elenco telefonico.
Atene sogno.
Augurare buon weekend
ad auto sospette.
"Bronx", il dentifricio
della camera di tortura.
Capelli lunghi strani
e una cattiva circolazione periferica.
Il colore pervinca in camera da letto
come quando muore.
Come si dice agosto in francese?
Come si dice fumetti in francese? Come si dice scalini in francese?
C'è un coniglio nano da esterno
sul contatore bruciato
Dina Lampa
disegna su maglie
un ematoma da morso umano,
usando falangi e falangine
Foto temporali
di frasi per una neomamma:
il sorbetto dove va?
Influenza di giugno:
l'Atene,
l'omino della pioggia,
una macchia viola sul braccio.
Mi chiedo:
perchè i metalli sono duttili e malleabili?
spengere o spegnere?
Taglio capelli
durante un temporale di notte,
temporale di pioggia.
Troppa gente nei negozi.
Tutte le regole devono avere un inizio
e una zia suora.
Meglio accendere una candela.
Nei giardini dell'Eden, baby,
oggi il sole splende come non ha mai.
(Rielaborazione delle chiavi di ricer…

Sali di lisina.

Immagine
Ehi sta passando la tosse, viva la guarigione chè anche essere malati col caldo è fastidioso e non posso rinunciare ad andare in macchina coi finestrini abbassati o a mettermi incoscientemente davanti il ventilatore.Comunque sono molto contenta. Ok, non ho la passione per l'economia e la finanza ma ieri sera sono andata a sentire Davide Toffolo nel giardino della biblioteca e un po' mi son sentita a disaggio su prestiti per via di questa tossettina. E guardate con che ricco bottino sono tornata a casa (cantando a squarciagola "Sìììììì io mi fermoooo quiiiiiiiii" dei Dik Dik):






Estate, sei calda come i baci che ho perduto...

...e fastidiosa come questa tosse insistente che chissà quando mi passerà, forse per l'autunno, sì dai, magari per il prossimo autunno sarò guarita giusto in tempo per ammalarmi di nuovo.
Ora ho capito perchè alcuni mettono in guardia dall'aria condizionata. E' mortalmente mortale.
Ne so qualcosa io che da domenica sono senza voce, con la gola in fiamme, e ora, la tosse.
Ognuno di questi tre malanni ha i suoi lati negativissimi:

- abbassamento di voce: il mio lavoro, per un buono 215% consiste nel rispondere al telefono o nel fare telefonate minatorie (tipo:"Paga ladro" o "Ho fatto un ordine 10 anni fa, c'è stato qualche problema che ancora non ho visto niente?"). Con la scusa che sono senza voce però non posso essere incisiva come al solito (e già di solito non lo sono, immaginate con questa menomazione vocale). Ironia della sorte ha voluto che da lunedì mi siano toccate le telefonate più rognose, questioni improrogabili. E solo in un paio di casi ho p…