Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2011

Luci in gita/2: Roma

Immagine
Eccoci alla seconda parte del resoconto della gita del ponte del 17 marzo. Ritemprati da una bella dormita (see, come no: tra i 45 gradi della stanza e il russare molesto di uno dei miei amici avrò dormito si e no 3 ore) partiamo di buon'ora per la capitale per evitare di arrivare sul raccordo anulare in pieno orario di punta.Lisci come l'olio arriviamo e troviamo traffico scorrevole. Che fortuna! Non senza difficoltà troviamo il nostro albergo e lasciati i bagagli ci buttiamo dritti nella mischia cittadina. Tenetevi forte perchè non immaginerete mai cosa siamo andati a vedere:


Una non fa in tempo ad uscire dalla metro, fare qualche passo, che si ritrova niente meno che il Colosseo dirimpetto!

Anvedi, questi sì che sono dei signori pini!


Palatino ventoso... e prefabbricati in lamiera direttamente dal futuro.

"Siamo rimasti in tre..."


Massì, uniamoci a comitive sconosciute per scroccare le spiegazioni della guida.
Lasciato il Foro Romano ci incamminiamo alla volta dell'A…

Terremoto nel Bronx.

Immagine
Inutile girarci intorno. Oggi pomeriggio stavo in ufficio a lavorare quando sento tutto un vibramento: scrivania, vetri, armadio... e un rombo cupo all'orizzonte. Come quando passa un autoarticolato in zona artigianale. Solo che, non so, dentro di me avvertivo un certo non so che, e poi dalla finestra non avevo visto nessun camion passare. Allora ho pensato che magari niente niente fosse stata una scossa sismica... Poco dopo, il tam tam su Facebook e un articolo del Giornale di Vicenza confermano ciò che nel profondo del mio pancreas avevo già intuito:
"Scossa sismica nell'Alto Vicentino
2,6° Richter, la gente in strada"

...E la Lucia in ufficio, come se niente fosse, a pensare a camion o a non meglio identificate esplosioni. Pensate cari lettori, non avvertivo un terremoto da molti molti anni. Solo in altre 2 occasioni avvertii la terra tremare. La prima volta facevo le medie. Ero in classe, durante una lezione di matematica, quando ad un certo punto sento la sedia che si…

Non mi fiderò mai più di un chiavistello.

Prima di continuare con il resoconto della gita dello scorso week end devo proprio sfogarmi e raccontare al mondo (!) l'incredibile trauma di ieri sera.Incoscientemente assecondo il volere di un gruppo di amici e mi ritrovo in una non meglio identificata pizzeria/bar/albergo. Decido malauguratamente di andare in bagno. Mi si presenta un minuscolo antibagno e poi, chiuso da una porta, il bagno vero e proprio. Entro, chiudo a chiave. Mentre son lì dentro che rifletto sulla mia vita, sento aprirsi la porta dell'antibagno. E vabbè, non mi preoccupo, chiunque sia, una volta vista la porta chiusa, aspetterà diligentemente il suo turno. E invece no. Vedo abbassarsi la maniglia della porta del bagno. E vabbè (e due!), la porta è chiusa a chiave, provi finchè vuole, qualsiasi essere umano, di fronte ad una porta di un bagno chiusa a chiave capisce che per forza di cose ci sia qualcuno dentro... Qualunque essere umano sulla faccia della terra ma non l'essere umano che, infischiandosene …

Luci in gita/1: San Gimignano

Immagine
Ho finito la scuola dell'obbligo da un bel po' di tempo, tuttavia lo scorso week end io e i miei amici abbiamo deciso di passarlo in giro per l'Italia seguendo un itinerario tipicamente da gita scolastica.Mancava solo il mio zaino Seven e il k-way (ma solo perchè quest'ultimo me lo sono dimenticata a casa - e ho fatto bene perchè non mi sarebbe servito a nulla se non a ricreare l'atmosfera "da gita").
Prima tappa: San Gimignano.
Cosa mi è rimasto di questa bella cittadina? Beh, innanzitutto mi è sembrata un misto tra Asolo e Marostica (insomma una città murata su una collina, un mix). Poi ho notato, non so se altri ci han fatto caso, che è piena di torri. Molto carina, ci sono bei negozietti (tre le tipologie predominanti: negozi di specialità alimentari, negozi di borse in pelle, negozi di coltelli O_o), stradine in salita che io non potrei mai percorrere in macchina pena lo spegnimento della stessa mentre cerco di farla procedere in seconda invece che in …

Posso salire 320 ripidi scalini di seguito senza accusare malori. E non solo.

Immagine
L'immagine parla da sola. Poi vi spiegherò meglio, ora no, che ho sonno.(Sì, la suddetta immagine è un po' stortina. Tutta colpa del debito d'ossigeno.)

Coccinelle giganti sul modem.

Non so come mai, ma da quando ho memoria (quindi da più di 20 anni ormai), nella stanza di Femputer (che è diventata tale solo da pochi anni, prima era una normalissima seconda cucina inutilizzata)ci sono le coccinelle.
Ultimamente però ci sono solo coccinelle enormi. Fanno quasi paura. E non portano così fortuna come le loro cugine di taglia normale.
Ce n'è una che ogni sera si fa la sua passeggiatina di salute sul modem. Ogni santa sera.
Ma sto divagando.
Oggi pomeriggio mi sono ricordata che ero arrabbiata con una persona X.
Mi ero arrabbiata qualche tempo fa, per determinate sue azioni (non so se meditate o casuali). Così, che ho fatto? Mutismo e indifferenza.
Solo che poi mi sono dimenticata di essere arrabbiata e ho ricominciato a comportarmi come sempre. Me ne sono ricordata solo oggi pomeriggio. Non c'è neanche gusto ad arrabbiarsi. O ci si incazza di brutto, e almeno ci si sfoga. Oppure tanto vale, stare arrabbiati senza farne parola. Che poi me ne dimentico e penso &quo…

Il peperaglio.

Per poco non sono morta dallo spavento per via del rumore dell'interferenza del cellulare col pc. San bitter che colpo ._.
Sapevate dell'esistenza del peperaglio? Un mix di peperoncini rossi, pomodori secchi e spicchi d'aglio sott'olio. Molto buono, soprattutto gli spicchi d'aglio che non sanno fortissimamente d'aglio, sono più garbati, si vede, se affogati lungamente nell'olio.
Ma lasciando perdere questi strani prodotti: per fortuna che fra qualche giorno lascerò il mio borgo natio per andarmene in una località segreta con un ducato a 9 posti, assieme ad altri compagni di sventura.
Dovrei aver fatto una lista delle cose da portare, giusto per non arrivare la sera prima col panico del "Oddio cosa mi porto?". Ma sono troppo affezionata alla mia ansia per organizzarmi bene.
Prima di congedarmi volevo altresì salutare chi mi legge via feed! ;-) Mi spiace non si vedano le immagini (invero non sono molte :D), avrei risolto molto prima i miei dubbi sul mi…

Non era una semplice suora.

Ho scoperto solo l'altro giorno che la "suora colpita da un raggio laser" raffigurata nel quadretto fuori da camera mia altri non è che Santa Rita da Cascia! Mi scuso per non esserci arrivata prima, tra l'altro è una rappresentazione abbastanza diffusa della santa (a cui si conficca una spina della corona del Cristo in fronte, altro che raggio laser).
Evidentemente il mio blog non è seguito da molti cattolici esperti di iconografia dei santi...
A proposito di suore, mi torna in mente l'interrogazione che sostenemmo io e i miei coetanei prima della Cresima. Alla fine delle domande di rito, il parroco mi chiese a bruciapelo:"Senti Lucia, hai mai pensato di farti suora?"
Faccia della sottoscritta: O_O
"Ehm...no."
Il don ci rimase visibilmente male (e te credo, ero un asso a catechismo) ma non me lo fece pesare dicendo:"Ah. Beh, non importa, puoi servire il Signore anche sposandoti e facendoti una famiglia."
Meno male, ero già rosa (con la &qu…