Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2011

Finito il mese di 31 lunedì, ci aspetta quello di 28 martedì.

Immagine
Nel week end appena trascorso, causa influenza, mi sono persa, nell'ordine:
- una cena in montagna con menù "tutto a volontà" - una conferenza con Margherita Hack - un concerto di L'Aura
Come si suol dire, quando niente e quando troppo. Ovviamente il prossimo week end starò benissimo e non avrò nulla da fare. Ah, non come questo, che ho passato a letto o a bere caffellatte caldo fino alla nausea. O a letto. O a guardare la tv perchè stare al pc era impossibile causa bassa temperatura della stanza. O a letto. Insomma, un fine settimana da pensionata. Ma non importa, sono esperienze che servono. Erano anni che non mi beccavo l'influenza quindi questi giorni sono stati molto istruttivi. Ad esempio ho imparato che quando non si è ammalati è proprio una fortuna e appena mi sarà passato questo mal di gola potrò dire di essere veramente felice. Malnato mal di gola, ti odio più di un autobus carico di ballerine di danza del ventre che ascoltano canti gregoriani!


Rispondi all'Atene/9

Immagine
Ma perchè il PresdelCons ha i numeri di telefono di tutte le trasmissioni tv?Tipo stasera ha telefonato all'Infedele di Gad Lerner. Ecco, allora anche io volevo chiamare e salutare Iva Zanicchi per dirle che Ok il prezzo è giusto mi piaceva tanto. Ok, avrà avuto i suoi difetti, le sue ingenuità, però c'erano anche dei momenti bellissimi, tipo quello alla ruota dove il pubblico gridava "Cento! Cento! Cento! Cento!". Oppure i giochini. O la voce di Raffaella che descriveva i prodotti. O sempre il pubblico che acclamava la conduttrice urlando "Iva! Iva! Iva!". Temo che la risposta stia già nella domanda. Evidentemente perchè non sono PresdelCons neanche del mio condomonio. Vabbè, comunque in ogni caso Iva, giassai!


Sapevate che esistono i rappresentanti di pale per ruspe?

Immagine
Domani mattina alle 7 si metteranno a lavorare con la ruspa proprio sotto la finestra di camera mia. Così mi ha messa in guardia stasera mia madre. Come se alle 7 di mattina il mio sonno potesse essere anche minimamente disturbato da più ruspe che smuovono ciottoli. Mi trovo un po' in imbarazzo. Forse ve l'ho già raccontata... Parlando di ruspe mi torna alla mente quella volta che Toni, un mio ex compagno di scuola (che aveva un gilet dei Take That e i pantaloni fucsia, che lasciò ragioneria per iscriversi alle magistrali) mi raccontò di quando era alle medie e un suo compaesano, un giorno che perse l'autobus ed era a casa da solo, quindi nessuno lo poteva accompagnare, si recò a scuola... con la ruspa del padre. Non ho mai dubitato che sia successo veramente.



La città del Palladio.

Potrei parlarvi del film che volevo vedere sabato sera e del film che invece ho visto, ossia un film sugli alieni dove muore un sacco di gente (tipo, l'umanità) e, come ogni volta quando muore tanta gente, poi ci resto male e torno a casa e penso: poveracci. Ma dai Luci, sveglia, è solo un film!
Oppure potrei parlarvi del secchio di popcorn che la mia amica ha comprato per un errore di valutazione e che io e i miei amici ci siamo rimbalzati per tutto il dopo-film (ci dispiaceva buttare i popcorn inevitabilmente avanzati, ma ci scocciava pure passeggiare per il centro di Vicenza con una tinozza di popcorn. Per poi fare la figura dei morti di fame?).
Quindi vi parlerò dello scenario che mi si è presentato attraversando parte del centro del suddetto capoluogo berico, poco prima delle 21. Forse sabato sera c'è stata un'epidemia di vomito perchè ce n'era a chiazze ovunque. Non so, forse è il caso di fare qualcosa: distribuzioni gratuite di Plasil, invito a coprirsi di più dop…

Manteniamo il contatto visivo.

Immagine
Stasera ho accompagnato mio fratello che doveva andare a prelevare al bancomat. Capita ogni tanto, se deve andare a fare benzina o a prelevare di notte. Gli guardo le spalle.Prima di partire da casa mia madre ci ha raccomandato di "fare attenzione nel caso vedessimo macchine sospette". Questa volta non ci siamo portati dietro la mazza da softball. Arrivati vicino alla banca mio fratello parcheggia in modo che il bancomat è alle mie spalle. "Ma no, parcheggia in retro altrimenti non posso mantenere il contatto visivo!". Sistemata l'auto, scende e si dirige al bancomat. Nel frattempo io sorveglio la zona. Da sinistra arriva un tizio che porta a spasso il cane. Si ferma un attimo a guardare il tabellone con le epigrafi e poi prosegue. Tutto tranquillo. Così tranquillo che mi viene l'idea per uno scherzone a mio fratello. Mi preparo con il cellulare puntato verso il bancomat. Appena mio fratello si girerà per tornare alla macchina gli farò una foto, accecandolo col…

Gelatine di frutta.

Ho notato che la mia auto tende a non andare dritta se levo le mani dal volante. Il che è molto scomodo se devo fare delle cose che comportano appunto il dover lasciare il volante per un po'. Ad esempio ieri sera dovevo scartare una caramella mentre guidavo. Immagino che il tizio dietro di me, che dopo avermi fatto gli abbaglianti mi ha sorpassata, abbia pensato che fossi una pazza ubriaca.
Ci sono cose veramente incompatibili con la guida. Oltre al celeberrimo starnuto mortale (uno dei momenti più potenzialmente letali nella vita di un essere umano dotato di patente), va ricordato anche il soffiarsi il naso. Non sono capace di soffiarmi il naso con una mano sola. Tanto varrebbe non usare il fazzoletto e soffiare col naso. Quindi per forza di cose, se ho il raffreddore e mi devo soffiare il naso, devo mollare il volante. E non c'è verso, non posso dire "Beh aspetto quando sono ferma". Perchè quando si guida l'impulso del soffiarsi il naso è inarrestabile a causa a…

La causa di un delizioso nervosismo.

Immagine
Bello essere nervosi perchè si bevono troppi caffè, e non per altre cose fastidiose. Se non avessi già parlato della macchinetta per l'espresso nel post precedente, mi dilungherei ulteriormente su come mi sembra sciapo ora il caffè della moka. Ma poi magari la moka si risente, ha comunque la sua utilità sociale per fare il caffèlatte. Allora gente com'è iniziato il vostro anno? Vi siete distrutti a San Silvestro? Siete andati alle feste vip di Cortina? O vi siete addormentati a mezzanotte e un minuto? Meno male che non ho sprecato che un pomeriggio (dedicato alla cottura di un calderone di crauti) per questo capodanno a bassa manutenzione. E ora vai col ponte della befana. "Tutti partono" dicono i tg. Non è così vero, ad esempio, io sono bloccata in casa causa solita neve e solito manto stradale ghiacciato. Ma perchè quando andavo a scuola non nevicava mai?

Brasato su una storia vera.

Ehilà! Buon 2011! Se fra un anno saremo ancora qui a leggere questo blog, vorrà dire che abbiamo vinto, che abbiamo gabbato la sorte e sgraffignato un altro anno. O solamente che alla Corea del Nord non sono saltati i nervi e non siamo tutti morti per un disastro nucleare. Come vedete la vostra beneamata inizia l'anno con il positivometro a mille. Veramente sono carichissima. Non foss'altro per il fatto che sono finalmente in vacanza e che ho una macchinetta per il caffè che ho imparato ad usare da subito senza manco leggere il libretto delle istruzioni (mi vanto del fatto che al primo tentativo sono riuscita pure a farmi un cappuccino) e quindi prova che ti riprova sto bevendo un sacco di caffè, tipo che l'altra notte mi sono addormentata alle 3, dopo aver ascoltato tutta la mia playlist di mp3 (13 ore e qualche minuto), ma non ascoltando le canzoni per intero, solo l'inizio, perchè ero così agitata che dopo un po' mi scocciavo e passavo alla successiva. Uhm...guarda…