Quando c'è la salute.

Già, e non quando c'è? Non potete immaginare: mi è tornato il raffreddore!
Sabato mattina mi alzo stanca e stravolta dopo una litigata notturna, metto a posto la mia cameretta, mangio controvoglia, mi cambio, vado a casa di un'amica. Stavo bene. Fisicamente intendo, di salute.
Poi tornando a casa mi fermo al supermercato. Il segnale di qualcosa che non va appare lampante: non ci sono i sacchetti di arachidi già pronti. Devo riempirlo da me il mio sacchetto. Il bello è che la cassettina con le arachidi è vicino all'entrata. La porta continua ad aprirsi (mentre quando ero entrata io avevo dovuto fare un passo indietro e riprovare perchè non si era aperta) e chiudersi, entra gente, e io sempre lì a riempire sta saccoccia, per un tempo che a me è sembrato lunghissimo. Ma stavo ancora bene, quindi ho preso il resto della roba sulla lista vip della spesa, e sono andata alla cassa. Anche qui un altro segnale. La cassiera, una giovane ragazzotta che lavora lì da poco ha i capelli sporchi. Però. Però ha la sua "bella" french manicure. Questa storia non la capisco. Non hai tempo per lavarti i capelli ma quello per andare dall'estetista a farti coprire di gel, smalto e brillantini (aveva degli squadrati artigli rosa porcellino) sì? Molte cassiere hanno questa mania per le unghie. Salvo poi dimenticarsi dei capelli. Notare che ho scritto "molte", non tutte: primo perchè ci sono anche dei cassieri masculi, secondo perchè alcune effettivamente sono ok, ossia pulite, quindi niente da dire, terzo perchè sennò mi inimico una categoria che è meglio avere come amica.
Comunque pago, saluto "bellicapelli" e me ne vado in macchina. Guardo il cellulare: è iniziata la samba degli sms per organizzare la serata. Ora, ho salutato da neanche mezz'ora la mia amica. Le ho detto che sì, avrei sentito gli altri amici ma PRIMA dovevo andare al supermercato. Siccome il super non è a 50m da casa sua, calcolando i 10-15 minuti per arrivarci, il tempo di fare la spesa, e il tempo di tornare a casa, non puoi mandarmi un sms per dirmi:"Allora, news?". Sì, eccola: sono appena uscita dal supermercato.
Arrivo a casa che non mi sento tanto bene. Ho freddo, ho mal di gola, ho freddo, ho mal di testa e ho freddo e mi fanno male le ossa. Mentre faccio l'appello dei sintomi mando sms a destra e a manca. Tutti soldi buttati dato che poi, scoprendo di avere la febbre, sono rimasta a casa.
Ah, dimenticavo: la febbre è durata solo sabato sera (Ahahah che involontaria gag... la febbre del sabato sera...ah ah...ah :-/). Domenica avevo solo le vie aeree occluse da non sto a dirvi cosa. Ieri invece si sono aperte le cateratte del Nilo (del mio naso) e anche oggi mi soffio il naso di brutto.
Bella vita.

Commenti

Anonimo ha detto…
ma ora sei viva e vegeta!

Fu
Luci ha detto…
Hai fatto bene a sottolineare "ora", dato il nostro saluto, colmo di speranza nel futuro, di poc'anzi! Ahahah... :D
Emix ha detto…
"Domenica avevo solo le vie aeree occluse da non sto a dirvi cosa."

Antimateria? Eri mica dalle parti del CERN di recente?
Luci ha detto…
Spiacente, questo sono informazioni riservate.
:P :D
mesic ha detto…
Io oggi ho iniziato a starnutire pesantemente, credo che il sibilo del raffreddore si stia facendo eco nelle mie cavità nasali. Attendo la serata, ma le mie diagnosi non sbagliano quasi mai, bhè ok, a parte quando mi diagnostico tumori o malattie terminali fulminanti, piccolo difetto di fabbrica la mia ipocondria. Comunque spero tu stia meglio!
Luci ha detto…
Ah, bella faccenda gli starnuti: sono tre giorni che se quando starnuto non ho un fazzoletto davanti rischio di...vabbè, anche queste sono informazioni riservate.
Sto meglio perchè non ho più febbre ma ho sempre il naso da soffiare ma chiuso (che non capisco come sia possibile: forse ho una narice aperta e una chiusa?). Ahahah anche io mi diletto con la nobile arte dell'autodiagnosi, fortunatamente sono una pessima diagnosta :D

Post popolari in questo blog

Si fa presto a dire "catena"...

Ho una mezza idea.