Mettici 'salsapariglia' al posto della parola con la s

Ennesimo caso di titolo nonsense che mi dà l'ispirazione per il post.
(Curioso come mi capiti sempre più spesso di pensare/trovare/farmi suggerire titoli meravigliosi e non avere niente da scrivere, o viceversa scrivere un bel post lungo e non riuscire a trovare un buon titolo neanche a pensarci 3 ore)
Pensavo che "salsapariglia" fosse una parola inventata, ma siccome non mi fido di me stessa e prima di scrivere qualcosa su un blog è sempre bene fare le verifiche del caso, ho consultato la Wikipedia.
Mentre già disperavo di non poter neanche oggi aggiornare il blog, mi si è aperto un mondo (sono un po' a corto di argomenti ultimamente... insomma, in un blog per famiglie com'è l'Atene, non posso di certo parlare di:
- alberghi siculi in cui si gira in accappatoio e con una palestra al posto della reception
- allevamento di polli nei sottopassaggi
- Vitaliano Trevisan che fa saltare la mia connessione solo guardandolo in foto
- siti particolari frequentati da "loschi" figuri da solotto che cambiano la biancheria ogni 18 ore - se va bene-, o da 25enni vedovi "alti" un metro e mezzo.
Già SCADO nello scabroso con la rubrica dei parcheggi, di più, per il momento e data la mia nota inibizione, non posso permettermi).
La salsapariglia. Non solo esiste. Ma è anche conosciuta col nome di stracciabraghe... (non voglio sapere perchè). E ancora: recita sempre Wikipedia, " Questa pianta è il cibo prediletto dai puffi".
E così, per puro caso, per un titolo senza senso, a 26 anni suonati, scopro che le puffbacche sono i frutti della salsapariglia.
C'è chi scopre l'acqua sulla Luna e chi l'acqua tiepida su Wikipedia.


Commenti

Ladymar ha detto…
Ache io pensavo che la salsapariglia fosse un'invenzione del cartone dei Puffi, prima di scoprire che esisteva per davvero :)

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Lo scaldanaso esiste!

Si fa presto a dire "catena"...