Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2009

Mi prendo l'inverno per guarire/1

Come prima cosa vi chiederete, guarire da cosa?
La mia risposta è: basta farmi domande! (cit.)
Detto questo, una delle cose che ho incominciato a fare è quella di andare a dormire prima del solito. Questo comporta che la mattina non sia sconvolta e che riesca ad alzarmi dal letto senza piangere e/o smadonnare contro un destino ingrato che mi costringe a svegliarmi prima delle 10 di mattina.
Se uno si prefigge lo scopo di andare a dormire presto, ovviamente deve riorganizzare la serata. Quindi non resta più davanti al pc fino all'una, ma data una rapida occhiata a ciò che gli interessa, spegne tutto e va a fare dell'altro.
Ieri sera per esempio alle 23 ero a letto. Sono quasi sicura che siano almeno 2 anni che non andavo a dormire alle 23. Quanto sonno prezioso ho perso in questi 24 mesi? Facciamo un rapido conto. Fatto. Non vi dico il risultato, sennò è troppo facile.
Una cosa bellissima che ho riscoperto è Criminal Minds. La domenica sera danno ancora Criminal Minds! Che gioia.
Or…

Forse è la volta buona che guardo Frankestein jr.

Ho perfino acceso il riscaldamento nella stanza di Femputer II, ho la pancia piena dopo la cena coi parenti, ho la coperta, c'è il divano, non mi resta che spegnere le luci e silenzio in sala.
Se non mi addormento prima, questa è proprio la volta buona.

Il frasario pruriginoso - Pronunciation.

Immagine
Ringrazio di cuore il mio amico David di Omaha, Nebraska, per avermi inviato questa impagabile foto:




Mi raccomando la pronunZia! :D

Mangiare cioccolatini prima di cena mi salva dallo struggimento serale.

"Turgenev era un tipo molto serio, ma riusciva a farmi ridere perchè le verità sono molto divertenti, quando le si incontra per la prima volta. Quando la verità di qualcuno è la tua stessa verità, e lui sembra dirla solo per te, è una cosa fantastica. Leggevo i miei libri di notte, sotto la coperta, con la lampada surriscaldata. Leggevo tutte quelle belle frasi e intanto soffocavo. Pura magia."
Charles Bukowski



Quand'è stata l'ultima volta che siete stati felici felici?

Sono riuscita a sistemare la questione "Google analytics". Il problema era che tempo fa avevo tolto il codice da inserire perchè il sito venga "monitorato". E non riuscivo a ritrovarlo. Ora ho sistemato tutto. Mi sento meglio.Stavo perdendo seriamente la calma, grazie al cielo l'ascolto delle 12 tracce del cd dei Vinegar Socks ha impedito che spaccassi la tastiera del pc con una testata :).

L'attesa mi inganna.

Ho comprato uno spazzolino da denti nuovo ieri. Mentre aprivo la confezione ho letto "Prodotto in PRC". Ci sono rimasta male. Anche gli stivali che ho comprato sabato scorso vengono dalla PRC. Che non è il Punto Racing Club, ma è la Repubblica Popolare Cinese. Pensate a quanta strada hanno fatto lo spazzolino con gli stivali. Sembra il titolo di una favola. Lo spazzolino con gli stivali. Mi ricorda un qualcosa con un gatto. Bah. Sono a casa stasera, con un accenno di mal di stomaco. In tv non so cosa ci sia, avevo voglia di guardare un film, così ho iniziato a vedere Factotum. Matt Dillon nei panni di Henry Chinasky mi piace. Mi piace proprio. La prossima volta guardo Barfly, voglio vedere quale dei due film rende meglio. Aprono H&M a 10 minuti da casa mia e questo mi rende molto felice. Ho provato a spiegare questa mia felicità ma dubito di esser stata capita. Pazienza, l'importante è non esser più costretta ad andare in centro a Vicenza. Non credo capireste perchè non…

Spiegatemi come usare Google Analytics prima di morire.

Immagine
Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male Sto male …

La vita è fatta a scale. Mobili.

Volevo un sogno horror e ho avuto il mi sogno horror.
Dovevo partire, non si sa bene per quale motivo. Così, mi incammino a piedi con la mia valigia per le strette viuzze di un centro di una qualsiasi cittadina. Mentre cammino incontro varie persone, ma solo uno, un vecchio con un berretto in testa e che cammina a fatica, si mette a seguirmi e a urlare per attirare la mia attenzione. Dato il mio smisurato amore per le persone anziane io faccio finta di non sentire e allungo il passo, imboccando uno stretto vicolo in discesa...in macchina!
Prima di una curva mi trovo davanti un enorme autobus. Il vicolo è talmente stretto che ci passa un solo mezzo per volta. Per fortuna a fare marcia indietro è l'autobus, così io posso proseguire fino ad un ampio piazzale dove ci sono altri autobus e molta gente che sta partecipando ad un funerale. Rischio più volte di essere investita da questi autobus, ma alla fine mi mischio alla gente che piange. Tra i partecipanti al funerale vedo anche mio pad…

Mettici 'salsapariglia' al posto della parola con la s

Ennesimo caso di titolo nonsense che mi dà l'ispirazione per il post. (Curioso come mi capiti sempre più spesso di pensare/trovare/farmi suggerire titoli meravigliosi e non avere niente da scrivere, o viceversa scrivere un bel post lungo e non riuscire a trovare un buon titolo neanche a pensarci 3 ore) Pensavo che "salsapariglia" fosse una parola inventata, ma siccome non mi fido di me stessa e prima di scrivere qualcosa su un blog è sempre bene fare le verifiche del caso, ho consultato la Wikipedia.
Mentre già disperavo di non poter neanche oggi aggiornare il blog, mi si è aperto un mondo (sono un po' a corto di argomenti ultimamente... insomma, in un blog per famiglie com'è l'Atene, non posso di certo parlare di:- alberghi siculi in cui si gira in accappatoio e con una palestra al posto della reception - allevamento di polli nei sottopassaggi - Vitaliano Trevisan che fa saltare la mia connessione solo guardandolo in foto - siti particolari frequentati da "l…

Com'era giovane Crosby!

No dico, guardatelo ç_ç
Sulle note di questa canzone, anche Bart Simpson si perdeva nei suoi pensieri.
(In che episodio? Boh, dettagli.)

La prossima volta, solo shampoo.

Vi ricordate che qualche settimana fa ero andata a Milano ed ero andata da Lush? No, non avevo menzionato Lush, lo faccio ora.
Insomma dovevo fare dei regali, così sono andata nel negozio dei saponi (Lush) e dopo aver pagato la commessa mi ha regalato 2 vasettini contenenti uno scrub per il viso (tipo carbone un po' più malleabile) e un'altra poltiglia giallina. Da quel che mi ricordavo mi pare avesse detto fosse una maschera per... per i capelli? Per il viso?
Non c'era l'etichetta, ma poco male, pensavo di ricordarmi.
Invece una volta a casa m'è venuto il dubbio. Sta pappetta va in testa o sulla faccia?
Alla fine, guardando sul sito, sono arrivata alla conclusione che fosse una maschera per capelli. E così stasera l'ho usata. Ho messo questa maschera, distribuita per bene su capelli e cuoio capelluto e poi l'ho lasciata in posa. 20 minuti.
Passati i 20 minuti mi sono ritrovata con capelli in crosta di poltiglia rinsecchita. Le mie certezze hanno iniziato a vaci…

Best cartoon ever/1

"Fra' Tac,... sono sicuro che non verrà nessuno." (cit.)

Mentre muoio di freddo, rinasco alla lettura.

Chissà cosa ne pensa lo Zio Crocifisso, di tutto questo polverone.Siccome questo è un blog fuori dal mondo non parlerò di attualità, bensì di freddo, mani gelate e libri. Negli ultimi mesi non ho letto praticamente niente. Diciamo che ho fatto ben poco in generale. Avevo altro per la testa. Pensieri brutti che mi hanno fatto perdere un sacco di tempo. Ma sto recuperando. Sto leggendo 5 libri contemporaneamente. Uno dei quali stanotte lo finisco, poco ma sicuro. Ho perso i miei guanti "padre Pio" senza dita, quelli che usavo in casa. Che tengono calde le mani e libere le falangette di digitare. Sarà il centesimo post in cui lo dico, ma tant'è: nella stanza del pc non c'è riscaldamento. Cioè, il termosifone c'è, solo che non lo accendiamo. Ora, non avendo i miei fidati guantini, ho le mani gelate. Il che non è tanto piacevole. E' in momenti come questi che mi soffermo a pensare se sia più fastidioso stare al pc col caldo o col freddo. Non mi ricordo, ho rimosso …

Gioco a Memory per dimenticare.

Vale la pena aggiornare il blog per l'incubo definitivo che ho fatto stamattina presto, prima che mia madre venisse a chiamarmi dicendo "Lucia! Sono le 8:10!".
Praticamente ero in camera mia con una tizia, stavamo parlando quando noto, guardando fuori dalla finestra, che due tipi stanno arrampicandosi sul terrapieno della provinciale che passa dietro casa mia. Sono 2 tipi bellocci, coi capelli lunghi e mossi, vestiti elegantemente. Si siedono sul guard rail e si sbottonano la camicia. Fissate allo stomaco con del nastro adesivo hanno quei libretti che lasciano i Testimoni di Geova.
Lo faccio notare alla mia amica e mi avvicino alla finestra per abbassare la tapparella quando questi mi vedono, si alzano in piedi e iniziano a parlare di fine del mondo e affini. Non so come, dato che camera mia è al primo piano, questi arrivano alla finestra e sento, da dentro, che mentre parlano cercano di forzarla e infatti riescono ad alzarla! Per un attimo li vedono: ora indossano delle s…

Ogni.

- Stanotte all'improvviso mi sono ricordata dell'esistenza della parola "ogni", ma ho dovuto riflettere un attimo per ricordarmi il suo significato;
- Sono stata a cena in un posto (capannone, per i vecchi lettori) rustico. Ma rustico rustico. Arroccato sulla cima di una montagna, rocce dovunque, freddo fuori, caldo dentro, freddo in bagno (con tanto di acqua del rubinetto non potabile, come segnalato da foglio A4 attaccato allo specchio, che mi sono dimenticata di fotografare). La compagnia era composta da un gruppo di amici (amici di qualcun altro, dato che io non conoscevo praticamente nessuno) di cui facevano parte, tra gli altri 2 tizie zombie con vari bendaggi e bizzarri tutù, il killer di Scream con la sua motosega, e, la più spaventosa, una tiza con un dolcevita leopardato O_o brrrr... la paura fa 90!
- Stamattina mi sono svegliata presto, convinta di dover andare per cimiteri (data la ricorrenza del 1° novembre). Invece scendo per fare colazione e casa mia è d…