A volte mi chiedo se siamo davvero in buone mani.

L'altra sera scendo in cucina sul tardi, verso le 23. Di solito a quell'ora i miei genitori stanno già dormendo da un bel po'. Stavolta invece la luce è accesa e mia mamma è ancora alzata.
Vedo che sta ritagliando dei pezzi di stoffa color vinaccia (ammesso che sia un colore).
"Mamma, sei ancora qui? Che stai facendo? Vuoi rivestire dei cuscini?"
"No, sto facendo un COPRIWATER"
"Ah..." O_O "...bene, ci serviva proprio, mi domando perchè non ti è venuto in mente prim...."
"No, ma non è per noi. E' per la nonna."
Capito?
Mia mamma realizza copriwater contoterzi.
(Accidenti: quando ho aperto questo blog non avrei mai pensato che un giorno sarei arrivata a scrivere la parola "copriwater" :-().

Commenti

Anonimo ha detto…
la risposta è dentro di te, epperò è sbagliata.

Fu
Polly Gianda ha detto…
anche la parola contoterzi non è male, però...

ciao
Polly
Luci ha detto…
Sì, ha il suo fascino, ma si distingue da "copriwater" perchè non finisce in -water (esco or ora da un simposio dell'Accademia della Crusca :P)
Gabdon ha detto…
copriwater in color vinaccia?

bè poteva andare peggio....
Ladymar ha detto…
Mai SENZA!!
billig ha detto…
hehehe. tu sei un genio! e tua mamma pure! :D

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Si fa presto a dire "catena"...