Luci at the concert: Dente (feat. Parcheggi pruriginosi/8: gente strana)

Sarebbe stato troppo facile arrivare a Marostica, parcheggiare e raggiungere il locale dove di lì a poco avrebbe suonato Dente.
No. Prima bisogna pagare pegno nel parcheggio, e i parcheggi in Veneto, si sa, nascondono sempre insidie.
Siccome abito molto vicino a Marostica (roba di 5 minuti in macchina), ho pensato bene di partire in anticipo rispetto all'orario accordato con le mie amiche.
Così arrivo nel solito parcheggio buio e tempestoso e spengo la macchina. Inizio a mandare sms e a telefonare in giro per sentire dove siano le altre.
Nel frattempo arrivano altre auto. Gente che arriva, parcheggia, scende e si dirige verso il centro.
E poi ci sono altri soggetti strani. Ad esempio il tizio/la tizia che mi parcheggia di fronte, resta in macchina a fumare una sigaretta fissandomi e poi se ne va.
Oppure l'occupante di una Fiat Uno che parcheggia 2 posti affianco a me, spegne. Poi dopo un minuto riaccende per andare a parcheggiare da un'altra parte, rispegnere l'auto e rimanere seduto dentro.
Grazie al cielo alla fine arrivano le mie amiche e ci dirigiamo al Panic. Notiamo subito che c'è un tizio all'entrata. Il concerto era gratuito, ma vuoi mai che abbiano cambiato idea? No, ci fanno solo entrare un po' alla volta.
Ovviamente dentro non c'è posto per sedersi. C'è gente che mangia ai tavoli (il posto è pur sempre un ristorante), qualcuno in piedi che impedisce il passaggio ai camerieri, ecc...
Il locale è diviso in 2 ambienti. In uno c'è il palco, nell'altro no, e ovviamente mi sistemo in quest'ultimo, in attesadi tempi migliori. Guardo bene e in fondo in fondo, c'è un tavolo a cui sono seduti dei ragazzi. Uno in particolare ha un'aria conosciut... ma è Dente!
Ci avviciniamo al tavolo pronte a ghermirlo (il tavolo) per avere una posizione decente da cui guardare. Appena Dente & Co. si alzano, ignare di cosa sia la vergogna, ci sediamo lo stesso, nonostante anche altre tipe si fossero già sedute. Ma che ce frega, siamo tutte una grande famigghia.
Ovviamente nessuno ha una macchina fotografica e i cellulari fanno foto pessime. Il mio anche volendo è nascosto nei meandri della mia borsa e rinuncio a cercarlo, dopo aver passato mezz'ora a cercare la penna (scoprirò solo al mio ritorno a casa di averla lasciata sul comodino in camera) e la moleskine, per esser pronta a chiedere l'autografo.
Mentre la musica sale in cattedra si beve, si chiacchiera, arrivano altri amici, ci si sbrodola con la sangria (io), ecc...
Dente è come nei video, fa le stesse mossettine, canta uguale uguale, è vestito come nel suo ultimo video. Non c'è dubbio, è lui :D.
Ad un certo punto, colpo di scena: la mia amica Sara si gira a guardare gli altri avventori e mi fa:"C'è il Nongio!!!". Mi giro a mia volta... è vero! Idolo!!!
Soddisfazione e dispiacere: fine dello spettacolo. E siccome si era proprio nel tavolo affianco al palco, forse è il caso di alzarci per lasciar posto alla band.
E' il mio momento. Mentre ancora Dente sta parlando coi suoi compari, io mi avvicino sventolando la moleskine. Una rompiscatole in piena regola. Mi guarda e io, con la faccia da cernia lessa, gli chiedo:
Luci/Cernia:"Ciao. Posso chiederti un autografo?"
Dente:"Certo, dove devo scrivere?"
Luci/Cernia:"*_* dove vuoi..."
E lui cosa fa? Scrive seguendo peredissequamente le mie indicazioni!

Chiedo un secondo autografo anche per la mia amica, ringrazio e faccio i complimenti e me la svigno. O meglio, indietreggio un po' subito bloccata da un sacco di gente che si accalca. Rimango bloccata tra la gente e il tavolo, che dopo un po' si trasforma in banchetto vendita cd/vinile/magliette/spille. Due mie amiche ancora sedute lì, si improvvisano "staff" e danno una mano a prendere i soldi, dare i resti... una (che per motivi di privacy chiameremo R.) presa dall'euforia si mette a firmare autografi sui libretti dei cd. :D
Ovviamente non potevo tornare a casa senza almeno un ricordo/feticcio della serata:





Il locale pian piano si svuota...la musica è finita, gli amici se ne vanno, che splendida serata...
Solo, ancora adesso mi domando: perchè prima di andar via, ho ordinato da bere un chinotto da 5 euro? Perchè?

Commenti

Anonimo ha detto…
Sono bravi e il cantante è bello.

Patty.
Luci ha detto…
Scommetto che l'hai visto nei manifesti :P ;)
incantevoleCreamy ha detto…
ahh dente è adorabile!
qui a milano ormai suona un sacco, anni fa era sconosciuto e tanto alla mano, ho visto un suo concerto in cui beveva the caldo perchè aveva l'influenza, un amore :-)
Luci ha detto…
Ciao Ila! :D
Ma dai? Pensa che era influenzato pure domenica scorsa, quando l'ho visto io :D

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Si fa presto a dire "catena"...