Parcheggi pruriginosi/6: la coppietta.

Sono in ferie: bella vita.
Giornate a dormire, fare qualche lavoro di casa, andare a fare la spesa con calma e non alle 19, guardare programmi trash in tv, e la sera...uscire con le amiche, anche se non è venerdì o sabato, in tranquillità, sapendo che il giorno dopo non ci dovrà alzare presto.
Sono quasi quasi di ottimo umore. Ho appuntamento per le 21 a Thiene (la porta del purgatorio). Sapendo che tanto non c'è fretta e che di sicuro le altre arriveranno un po' tardi, decido di partire alle 21. Meglio arrivare sul posto un po' dopo, che arrivare con anticipo e dover aspettare no?
Povera scema. Arrivo al punto di ritrovo, parcheggio e guardo il cellulare. Nessuna chiamata, nessun messaggio... uguale: non è ancora arrivato nessuno. Sono la prima. Vabbè. Chiamo una, chiamo l'altra...nessuna risponde. Mitico. Mentre faccio squilli a manetta guardo verso le entrate del parcheggio con la speranza di veder arrivare qualche auto conosciuta.
Mentre sto guardando alla mia destra, noto che nella macchina parcheggiata 2 posti più in là c'è un tizio dentro, un po' piegato verso il sedile del passeggero.. Quand'ero arrivata non me ne ero proprio accorta. Vabbè amen...hey...un momento, ma...il tizio...non è solo! C'è un'altra persona nel sedile accanto...una ragazza... Oh oh...se stanno a bacià!
Spero non badino a me, non voglio passare per guastafeste o peggio ancora per una guardona.
Nel frattempo riesco a rintracciare una mia amica: è ancora a casa, sta aspettando che un'altra amica (ciao Sara! Iloveyou!) la passi a prendere.
"La sto aspettando...da mezz'ora...ma ormai dovrebbe essere qui...10 minuti (la speranza è tutto nella vita) e arriviamo."
Io:"Ah bene...fate presto che nella macchina vicino alla mia ci sono due che stanno limonando, non so più che faccia fare!".
Per 20 minuti, sono rimasta in macchina, come un corvo Rockfeller, vicino alla coppietta nell'altra macchina.
Che dovevo fare? Riaccendere la macchina e parcheggiare dall'altro lato? Oppure ho fatto bene a rimanere lì dov'ero facendo finta di niente?
Magari questi erano in cerca di un po' di privacy e io ho guastato loro la festa?
(Che poi, privacy un corno: in quel parcheggio passa un sacco di gente, perlopiù teppisti, o tamarri che sgommano con le loro auto tamarre)
Mentre ero lì che riflettevo "Penseranno che sono una rompiscatole? O una maniaca?" sento che accendono il motore...e se ne vanno! Ecco bravi, andate a da un'altra parte, c'è quel bel parcheggio isolato e pieno di anfratti nascosti se proprio volete stare in pace (dovete solo stare un po' attenti ai maniaci).
Tutti 'sti problemi...alla fin fine, non si saranno manco accorti che c'ero!

Commenti

Lario3 ha detto…
Malnati parcheggi... tutti tu li trovi?
CIAO!!! :-D
Luci ha detto…
Ahimè, sì :D
Essere Asimmetrico ha detto…
=O MA ALLORA ERI TU!?!?NON SI PUò STARE NEANCHE IN PACE NELLA PROPRIA AUTO!!!!!!GUARDONA!
=D
Anonimo ha detto…
I LOVE YOU TOO!

"In orario? What's in orario?"

Tua per sempre,
SARA
Luci ha detto…
E, fatalità, domani abbiamo di nuovo appuntamento dove? In un parcheggio!!!!

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Lo scaldanaso esiste!