Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2008

Sono ufficialmente morta (dentro).

Chi di voi è tra i miei contatti gmail avrà notato che ultimamente prediligo le firme macabre.
Questo perchè sto passando il periodo peggiore della mia vita (fino ad adesso).
Ma era ancora niente. Ieri sera sono ufficialmente morta. E non ho dovuto aspettare di svegliarmi morta (come scrivo sempre su gmail), mi sono addormentata che già lo ero.
L'essere "morti dentro" non comporta obbligatoriamente di esserlo anche fuori. Infatti devo dire che nonostante un po' di mal di schiena, mi sento in ottima forma.
Forse un giorno gli ottimi Roberto Giacobbo (quello di Voyager, per i profani) e Bill Pullman (quello di Indipendence Day, per i profanissimi) faranno una spedizione all'interno dell'animo umano, un po' come faceva tanti anni fa Piero Angela, quando si rimpiccioliva e andava all'interno del corpo umano a fare il ganzo, spiegandone i suoi misteri a noi che fino ad allora avevamo vissuto pensando che il cartone animato "Esplorando il corpo umano"…

Al campo minato, ho sempre preferito Freecell.

Così la vita è come attraversare un campo minato con le mine che aumentano
di metro in metro e tu che faticosamente cerchi di evitarle e di andare
avanti e
di trascinarti fino in fondo e poi, anche se arrivi in fondo, trovi
un
cecchino.
Dal post di ieri di Chinaski.Geniale (non solo lo stralcio qui sopra, tutto il post!!)!

Imparo imparo imparo!

Anche oggi imparo qualcosa. Grazie a Gianluca, vengo a sapere che è meglio far benzina la mattina presto perchè fa più freddo e la benzina è più densa, quindi a parità di litri, la resa è maggiore.
Potrei diligentemente indirizzarvi a link che spiegano la cosa...ma non ho tempo per cercarli. Quindi vi rimando ad un suo vecchio post.
In realtà io sta cosa l'ho sempre sospettata, dentro di me, senza saperlo. Infatti vado quasi sempre a fare benzina al mattino, prima di venire in ufficio.
Sono un genio. :-)

Qualcosa su cui riflettere.

"Metà del calcare della terra aspetta ancora di essere scoperto."

Credo non ci sia altro da aggiungere.


P.s.: Un saluto ai protei e alle colonie di batteri che ci seguono numerosi dalle loro grotte sotterranee! Questo blog non avrebbe senso, senza di voi!!




Io sono l'Agenda.

Stamattina mi sono svegliata. Accanto al letto avevo la borsa e sopra la borsa c'era la mia agenda.
L'ho guardata, lei ha guardato me. Io l'ho riguardata e lei pure.
E lì, la folgorazione: "Io sono l'Agenda"! Un film ambientato in una cartolibreria!

Penserete che sono matta. Ma se lo sono, sono in buona compagnia: una mia amica ha appena detto che a Cadorna (Milano, Italy) stamattina c'era un tizio che giocava con lo yo yo acrobatico.*
O_O






(*grazie a Fu per la preziosa segnalazione :D)

NewZ!

Con colpevole ritardo vi segnalo la mia libreria su Anobii. Appena avrò un po' di tempo sistemerò il link qui sul blog. Potete altresì aggiungermi come "amica", così potrò bullarmi di avere tanti amici su Anobii, che mi sono stufata di bullarmi degli amici del Circolo del Tennis Tavolo*!



(*Notizia falsa, non ho amici al Circolo del Tennis Tavolo!)

Non esistono numeri a caso.

Quando non si ha niente di meglio da fare, sarà capitato anche a voi di avere una musica in testa...oddio no, questa è la Carrà! Vade retro!
Volevo dire, vi sarà capitato, in un momento di totale cazzeggio, di mettervi su google a cercare qualcosa di più o meno assurdo. Un sacco di gente lo fa, basta guardare le chiavi di ricerca che a volte conducono ai nostri blog.
Ebbene ieri pomeriggio apro la Wikipedia e cerco notizie sul mio nome (cioè Lucia, non Chantal come facevo credere fino a un paio di anni fa).
Ok, trovo tutte cose più o meno risapute.
Ma all'improvviso, sotto la scritta "curiosità", scopro che esiste un asteroide che si chiama 222 Lucia, scoperto nel 1882.
Rendetevi conto: circa 100 anni prima che nascessi, un tizio scopre un asteroide, gli assegnano il numero 222 e il nome Lucia!
E io che pensavo che la mia fissa per il 2 (che vi ricordo, se lo guardate bene vi accorgerete che sorride - per questo lo trovate ripetuto 3 volte sia nell'url di questo blog che n…

La tratta delle bianche.

Sabato notte i miei amici volevano vendermi ad un venditore ambulante di colore che offriva in cambio 40 cammelli.
Che se ne facevano poi i miei amici di 40 cammelli, dico io?!
Ma soprattutto, perchè mi vogliono vendere al miglior offerente? O_o

Santa Pomata.

Sarete contenti di sapere che non ho più mal di gola. In compenso il mio raffreddore è peggiorato.
Avviso chi di dovere che il dolore al costato continua, ma meno forte dell'altro giorno. Comunque escludo di avere un polmone bucato da una costola (mi sento già male, solo a rileggere la frase sul polmone...oddio che schifo), come pensavo l'altra notte.
A parte questo direi che fisicamente sto benissimo.
Pronta per un entusiasmante week end. ;-) :P

Abbasso oggi.

Mi sono svegliata col mal di gola.
E' l'inizio della fine.




Facciamo un po' d'ordine.

- Prima di tutto segnalo che la Cuggi ha aperto un nuovo blog. Bentornata nella blogosfera! :D
Non mi ricordo più se devo zappare via il vecchio blog o se lo posso lasciare... farei prima a chiedertelo via mail ma tant'è.

- Devo aggiornare i link...

- Devo tirare via la canzone dei Darkness, perchè furbamente, parte quando si carica la pagina e la trovo una seccatura per chi legge, tanto più che è pure una canzone natalizia. Ora la tolgo, state tranquilli.

- Da ieri notte non faccio che pensare alla bauxite.

- Stamattina mio padre parlava dell'Aquitania, ma ignoro il perchè.

La gabbia dorata.

Immagine
Pensate, una volta i Boeri facevano il bello e il cattivo tempo in Sudafrica. Da non credere il potere che può avere una pralina al liquore.
Mentre riflettevo su ciò, mi arriva in casa questo simpatico cocorito; di cui peraltro ignoro sesso, età e numero di telefono.
Nessuno in famiglia ha saputo imporsi e dargli un nome.
Così, quando devo chiamarlo, lo chiamo Parrocchetto. Ma è un nome posticcio quanto un paio di baffi posticci.
Wellcome to the jungle, Parrocchetto!

Presentimenti.

Ho come il vago presentimento che il 2008 sia iniziato un po' maluccio.
E' una considerazione che lascia il tempo che trova, me ne rendo conto.
Ma alle 9.30 del 07/01/2008 non mi viene niente altro da dire.