Luci at the concert: Baustelle.

Niente di più facile: i Baustelle suonano a Bassano del Grappa, a 20 minuti scarsi da casa mia.
Seee! Facile!
Innanzitutto i miei amici arrivano a prendermi alle 22 passate, dopo che si era detto di essere sul posto per le 21:30, in modo da non trovare folla e di poter mettere il cappotto nel guardaroba.
Così devo mandare 20 sms a Squeeze che arriva da Treviso (e che alla fine arriverà mooooolto prima di noi sul posto).
Arriviamo alla Gabbia che sono quasi le 23, dobbiamo lasciare i giubbotti in macchina.
Vabbè amen, siamo giovani e indossiamo scarpe robuste, facciamo di corsa il tratto di strada dal parcheggio sotteraneo al locale. Panico: c'è fila all'ingresso! Moriremo congelati! Una delle mie amiche quasi quasi vuole tornare alla macchina a prendere il giubbotto!
Grazie al cielo disimpegnamo abbastanza velocemente la fila, paghiamo il biglietto...e siamo dentro!
Passiamo dai - 10 gradi esterni ai + 30 interni! Questa è la gabbia: soffitto basso, temperatura alta!
I Baustelle non sono ancora sul palco, al momento in cui entriamo sul palco c'è un gruppo di sconosciuti che non ho ascoltato...
Avviso Squeeze che sono arrivata: è sotto al palco. E vabbè, gli rispondo che io sono nei dintorni del bar (e dove potevo mai essere?).
Ci posizioniamo in alto, con la ventola sopra le nostre teste che ci rinfresca il giusto e aspettiamo che inizi il concerto.
Squeeze mi trova, saluti di rito, ci si rivedrà alla fine del concerto(che lui è un fan vero e i fan veri stanno sotto al palco!).
Il mio gruppetto di super-amici è composto da: S1 - S2 - Tom - Fiore - il Caso Umano.
S1 ha scoperto i Baustelle e ora li AMA! Aspettava con ansia questo momento e ora non si stacca dalla balaustra aspettando che i nostri eroi salgano sul palco per gridare "SERGY!!!!" (abbrevviazione di Sergio, chè lei credeva che il cantante dei Baustelle si chiamasse Sergio...niente di più sbagliato, si chiama Francesco, ma non ci importa.)
I tre boys di Amanda si propongono in uno show di alto livello: finte risse, canzoni da film di Bud Spencer e Terence Hill, suono della bottiglia di birra stile flauto di pan,balletti esilaranti...
Iniziano a suonare!!! E cominciano con I Provinciali, canzone bellissima dell'ultimo album!
Ho ascoltato la prima metà del concerto, poi hanno iniziato a suonare canzoni che non avevo mai sentito, e la mia curva dell'attenzione ha iniziato a calare verso il basso.
Con questo non voglio dire che la loro performance non sia stata notevole, anzi!
Aspetto di entrare in possesso del loro ultimo cd, è bellissimo, se vi capita, accattatev'illo!!!
Dicevo, ormai non prestavo più tanta attenzione a ciò che avveniva sul palco: le mie due amiche vanno al bancone del bar e vengono abbordate da un nano che straparla; io rimango con Fiore e Caso Umano a parlare della Vodafone che una volta era Omnitel ("là dove c'era l'erba..."), che il 404 della vodafone ti da l'ora esatta (anche se io non sono d'accordo), pausa per un'altra finta rissa che coinvolge pure un ignaro sconosciuto che ha avuto l'indelicatezza di passare vicino al Caso Umano mentre schivava un finto pugno da parte del Fiore.
Poi anche noi tre andiamo a prenderci da bere (ancora) e continuiamo i nostri alti discorsi.
Ritrovo Squeeze e amico a concerto finito.
Rimaniamo un altro po'...ormai saranno state le 2 e qualcosa, riesco pure a salvarmi da un tentativo di farmi ballare in pista!
Prima di andarcene accompagno in bagno la mia amica e chi mi ritrovo di fianco???
Rachele dei Baustelle!
Scena: bagno della Gabbia con la porta aperta.
Rachele:"Dovete andare?"
Io e S1:"No no, vai pure!!"
Rachele:"No, ma se vi scappa...andate pure...."
Io e S1:"No, vai pure, nessun problema!!!"
Rachele:"Non voglio essere privilegiata..."
Io:"No! Sei privilegiata!" (?!)
Tiro fuori dalla borsa da concerto il blocchetto, la mia amica mi da la penna.
Cara Rachele, vai pure in bagno, ti aspetto al varco!
Esce non fa in tempo a dire:"Grazi..." che le tendo il blocchetto.
Grazie mille Rachele dei Baustelle al bagno!!
Torniamo dagli altri tutte gasate!
Salutiamo Squeeze e amico e ce ne andiamo.
Saliti in macchina scatta il classico quesito:"Dove andiamo? L'unico posto che tiene aperto dopo le 2...è questo! Oppure andiamo a casa."
Dopo ampio dibattito decidiamo di tornare dentro.
Ormai non c'è quasi più nessuno, prendiamo possesso di un divanetto dove buttiamo tutta la nostra roba, prendiamo un altro giro di birra e via!
Ma ripensamento fu più azzeccato: in un angolo, verso l'uscita di servizio vediamo il cantante dei Baustelle!!!
Io e S1 non possiamo perdere questa ghiotta occasione!
Ci avviciniamo...
S1:"Ok, ma cosa gli diciamo?"
Io:"Non lo so, ma sta davanti tu...boh..."
Arriviamo dal cantante che stava armeggiando col cellulare.
S1:"Ciao! Volevamo farti i complimenti" e gli stringe la mano.
Io faccio lo stesso dicendo:"Bel concerto, davvero!!".
Lui non ricordo cosa ha detto, forse solo "Grazie" e si è messo la mano sul cuore.
Che uomo!

Commenti

Barbara ha detto…
Lo so sono molto ignorante in materia ma ... chi cavolo sono?!

PS Certo che a quel posto hanno dato un nome quantomeno inquietante ;)
squeeze ha detto…
ue', mi hai sbagliato il link :P (io non so, splinder non mi fa piu' mettere i link...)
Luci ha detto…
Barbara se vai sul loro sito puoi ascoltare anche alcune loro canzoni! :-)

ops, scusssa squeeze :-/!! ora l'ho corretto! ;-)
squizzolo. ha detto…
"disimpegnamo la fila" non lo sentivo dall'83. :D
Manu ha detto…
..ed io che questo weekend ero a Castelfranco veneto...non lo sapevo. Ma porcaccia la miseria.
Il 4 febbraio sarò a mestre per il concerto dei Negramaro :)
Undine ha detto…
Grande Luci! E favoloso l'incontro con Rachele in bagno! mi è piaciuta la tua cronaca!
orsodingo ha detto…
mi toccherà ascoltarli allora...
Luci ha detto…
E' stata stranissimo trovarmela di fianco a fare la fila per il bagno! Il bello di questi concerti fatti in locali piccoli e che poi ti ritrovi i componenti delle band che girano come fossero normali avventori!

orsodingo, prova ad ascoltare il loro ultimo cd, sentirai che bello!

Post popolari in questo blog

Si fa presto a dire "catena"...

Ho una mezza idea.