Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2005

15 minuti da blogstar.

Ieri mattina mi era stato segnalato che su Libero (o su Arianna...beh...vabbè, siamo lì: http://arianna.libero.it/blog), il mio blog veniva indicato insieme ad altri quale "blog più popolare"...o "blog più visitato".
Insomma, ero diventata una blogstar!!!
Seee valààà. Neanche il tempo di andare a ritirare l'abito lungo per le serate di gala, che, torno in ufficio il pomeriggio, rivado sul sito per bearmi della visione del mio blog segnalato su Libero...e invece niente: avevano già cambiato la pagina e figuravano ormai altri blog.
E vabbè, è stata una gioia effimera...
Mi rimangono dei dubbi sul criterio col quale è stato segnalato il mio blog, non mi pare che sia così conosciuto e visitato.
Poco male, tanto, per quel che è durata la sua celebrità...inutili farmi dubbi morali e interrogarmi se sta cosa fosse meritata o no.
Solo che...e mo' dove vado con l'abito lungo da sera???

;) 999

Sister of Flower!

Ho scoperto una curiosità riguardo un ragazzo (lo chiamano Fiore) che da un po' esce con noi.
E' venuto fuori che mia mamma e sua mamma erano compaesane, che quando mia mamma è entrata in ospedale (chè dovevo nascere io), la mamma di questo ragazzo stava andando a casa e le ha detto "Avere un bambino è un'esperienza meravigliosa!!" (ora non so se intendesse proprio il momento in cui il bambino viene al mondo o l'avere un bambino di per sé…non lo so, quando lo so vi telefono). Infatti lui è nato l'8 aprile, io il 12.
Così ieri ho raccontato questa cosa per mail ai miei amici.
Ecco un po' di mail/commenti che mi sono arrivati:

Amica n.1:"è come se fossi SORELLA del Fiore....
SISTER OF FLOWER!!! PEACE AND LOVE"

Mia cugina:"Ciaaaa! Ma guarda un po'...Cia...tu e il Fiore...già vi conoscevate prima di nascere hihihi! Vorrà dir qualche cosa? No...niente."

Amica n.2:"Magari c'è stato lo scambio di culle e tu sei il Fiore e il Fiore è…

Amico è?

Il mio gruppo di amici, o meglio, un sottogruppo del mio gruppo di amici, si sta rivelando un ginepraio di cose dette e non dette, di sotterfugi, di segreti, di inciuci, di rancori, ecc...
Fino a sabato ero riuscita a rimanere fuori da tutto questo, almeno, credevo che tutte queste cose mi toccassero fino ad un certo punto. Invece sabato sera ho raggiunto il limite di sopportazione. Ho passato la domenica in casa ad analizzare tutto quello che non va.
E oggi ne ho parlato agli amici. Al sottogruppo di amici insomma.
I casini di fondo rimangono, anche se gli altri non si aspettavano questa mia reazione, e un po' si sono agitati.
Una mi ha detto che si è preoccupata perchè non mi aveva mai vista così arrabbiata.
Insomma, per ora ci siamo presi una pausa e gireremo con altre persone...almeno questo è il buon proposito di oggi.
Poi è tutto da vedere.
La teoria delle amicizie a sottoinsiemi non è male. Quando un sottoinsieme e saturo di negatività (tanto per usare termini distaccati e pacati)…

Il vuoto.

Ci sono dei momenti, nella blogosfera, nelle mailing list, nei forum, in cui non scrive assolutamente nessuno. Silenzio di tomba. Come se si fossero spenti tutti i pc. Stop.
Ovviamente, è proprio in questi momenti di vuoto, che io ho tempo per leggere, che non ho il capo che mi assilla, che non ho un lavoro urgente da finire.
Quando ho tempo io, spariscono gli altri.
Che fortuna. :P

Grigio asfalto.

Ah, i lavori di riasfaltatura!
Proprio ieri hanno inziato a riasfaltare un breve tratto della superstrada che faccio per andare al lavoro: più esattamente, questo tratto va da una rotatoria fino al ponte su un piccolo fiume...o grande torrente, decidete voi.
Hanno incominciato riasfaltando metà corsia di destra, quindi, per permettere una normale percorribilità, hanno dovuto ricavare una corsia centrale, delimitata da quei coni rossi (detti anche "cappelli da gnomo" o "megafoni per gente ingegnosa".
Le 2 corsie che si sono venute a creare sono strettissime, ma quella di mezzo è ancora più inquietante!
Stamattina la percorrevo tenendo saldamente il volante con entrambe le mani e prestando attenzione a stare al centro di questa mini corsia, nè troppo verso destra, nè troppo verso sinistra. Eppure mentre procedevo, non potevo fare a meno di immaginarmi la scena della sottoscritta che procede a zig zag facendo cadere tutti i coni...oppure sempre io che procedo tutta a sini…

Toc-toc-tacchino!!!

L'influenza dei polli, il rischio pandemia, nuovi focolai del virus sempre più vicini a noi...
Come vive questa minaccia una famiglia tipo?
Tipo, prendiamo la mia famiglia.
Ora di pranzo, tv accesa sul tg (è meglio che non scriva quale).
La giornalista parla di un pericolo pandemia praticamente certo.
Mia mamma spalanca tanto d'occhi e guarda sconcertata mio padre come a dire "Ecco! Moriremo tutti!!!"; mio padre, sprezzante del pericolo neanche si volta e mormora quasi tra sè e sè: "Ma quando fanno il meteo???" che lui guarda i tg solo perchè fanno il meteo: se ci fosse un canale che fa le previsioni del tempo 24 ore su 24, sarebbe il suo canale preferito. Che poi io non capisco, non si dice che quelli che lavorano la terra capiscono se il tempo cambia da segni impercettibili, che hanno questa dote di prevedere se sarà bello o brutto senza affidarsi alle previsioni meteo? Si vede che mio padre è un agricoltore atipico...
Mio fratello non c'è perchè è al lavor…

Ne avevo una bellissima da dire, se solo mi venisse in mente.../6

"Ospite, quello che deve accadere per volere del dio, difficile è per l'uomo stornarlo e la maggiore delle pene umane è proprio questa: prevedere molte cose e non avere su di esse alcun potere."

ERODOTO

Buon we! 222

Una scimmia?

Vi giuro che non lo faccio apposta, ieri sera non ho neanche mangiato!
Ma stanotte, o meglio, stamattina presto ho di nuovo avuto uno dei miei sogni assurdi.
Prima di tutto ho sognato che ero ad un pranzo coi parenti, arrivava mia cugina con un gran macchinone sportivo e passava sopra al mio cellulare (Puccciiii!) che non so come era finito per terra.
Io mi arrabbio da morire e inizio ad insultarla.
I parenti si riuniscono: siamo sotto una specie di tendone.
Ci sono anche un mio cugino e sua moglie. Lei è inspiegabilmente altissima, addirittura più alta del marito; lui invece...è più basso, ha i capelli lunghi e le sopracciglia foltissime...non ha la faccia di mio cugino...però so che è lui.
Torniamo a casa, i miei genitori spariscono non so dove e rimaniamo io e mio fratello.
Ad un certo punto arriva a tutta velocità un trattore con sopra un tipo stranissimo.
Appena lo vede, mio fratello dice:"Ma non lo vedi che è venuto qui per rubare???"
Allora io prendo un forcone (?!) e inizio a…

L'interrogazione nell'occhio del ciclone.

Altro sogno oRendo da raccontarvi!

Sono a scuola, insieme ai miei compagni più una guest star: Marcia Cross, l'attrice che fa Bree in Desperate Housewives.
L'aula è stranamente buia ma riesco a vedere gli altri miei compagni. Entra il professore di economia aziendale e già mi sento male. Ma fortunatamente non vuole interrogare. Apriamo il libro e il prof inizia a spiegare non so cosa. Passa tra i banchi ed è pure amichevole con noi studenti. Poi all'improvviso il professore è seduto in cattedra ma non è più quello di economia aziendale: è il prof di italiano. Tra le mani ha il registro e dice la fatidica frase "Ora sentiamo qualcuno". Oh no! Non so niente! Non ho studiato economia!!! E adesso???
Grazie al cielo decide di interrogare il n.5 che è Marcia Cross, e il n.10 che è non ricordo chi.
Rinfrancata dal fatto di essermela cavata tento di seguire l'interrogazione.
Bussano alla porta: è Marcia Cross (??) che dice che deve andare a casa perchè sua madre le ha tel…

Idea per il week end.

A heart that's full up like a landfill,
a job that slowly kills you,
bruises that won't heal
You were so tired, happy,
bring down the government,
they don't, they don't speak for her
I'll take the quiet life,
a handshake of carbon monoxide

No alarms and no surprises,
no alarms and no surprises
No alarms and no surprises
Silent, silent
This is my final fit, my final bellyache with
No alarms and no surprises,
no alarms and no surprises
No alarms and no surprises, please

Such a pretty house, such a pretty garden
No alarms and no surprises,
no alarms and no surprises
No alarms and no surprises, please


"NO SURPRISES" - Radiohead

Buon we! 222

Appunto!

Cosa scrivevo nel post di ieri?
"Quante volte rischiamo di morire ogni giorno..". Ecco, ho rischiato di fare la fine del topo proprio stamattina mentre andavo al lavoro.
Da una curva cieca sbuca un camion a tutta velocità...si è fermato a neanche mezzo metro dalla mia macchina. Me lo vedevo già addosso.
Devo ringraziare San Freno e San Bitter se sono qui a scrivere stamattina.
Che spavento gente! :/

Occhio alla portiera!

Avete mai pensato che se, salendo in macchina, chiudete la portiera troppo presto rischiate la decapitazione?
Mi è successo anche oggi: sono salita in macchina e ho tirato la porta mentre non ero ancora completamente dentro. Stavolta mi è andata bene, ma se per qualche imprevisto la porta si richiudesse più velocemente?
Vi immaginate la scena di uno strangolato o, peggio, decapitato dalla portiera dell'auto?
Neanche ci immaginiamo quante volte rischiamo la pelle in un giorno!
Fate attenzione, mi raccomando!

Strike!!!

Gente, ho passato un venerdì sera fantastico.
Non dovevo nemmeno uscire venerdì, poi in qualche modo mi avevanoconvinta ma avevo fatto presente che sarei rimasta solo fino amezzanotte, mezzanotte e mezza, chè il giorno dopo dovevo alzarmipresto.Intanto arrivo nel posto dove dovevamo incontrarci e non c'è un postolibero per mettere la macchina. Siccome mica posso lasciarla in mezzoalla strada, la parcheggio davanti ad un condominio, in piena zonarimozione.Ora voi immaginatevi una ansiosa come me che lascia per tutta unaserata la propria auto in zona rimozione…impossibile. Grazie al cielosi libera un posto nel parcheggio vicino, corro a riprendere lamacchina…che poi farò parcheggiare all'imprenditore, visto che io iparcheggi a "S" non li so fare…
Ci ritroviamo in 5: la mia amica S., mia cugina, l'imprenditore, e T.Prima tappa: locale "in", frequentato da fighetti o pseudo tali.
Seconda tappa: parchetto di un paesino poco distante per berci le due bottiglie …