Aspettando...

Frantumare le distanze. Superare resistenze
E riconoscersi per creare. Camminare senza chiedersi perché
Il tuo viso le mie mani sono la stessa gioia immensa
È luce invisibile da succhiare. Camminare senza chiedersi perché

E fermarsi un istante per considerare
che il respiro è un dettaglio che ci rende uguali
Come cerchi nell’acqua che non sanno nuotare e si infrangono

Frantumare le distanze. Superare le esistenze
E riconoscersi per creare. Camminare senza chiedersi perché

E fermarsi un istante per considerare
che ogni istante si scioglie in quello a venire
Come cerchi nell’acqua che non sanno nuotare
e si infrangono

"Cerchi nell'acqua" - Paolo Benvegnù

Commenti

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Si fa presto a dire "catena"...