Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2005

Telecom ringrazia.

'Aspita, è da mercoledì scorso che non scrivo qualcosa...
In effetti ho fatto una specie di digiuno informatico dato che settimana scorsa è arrivata la bolletta del telefono.
Vi ricordo la mia situazione: dispersa da qualche parte nell'alta pianura vicentina, sprovvista di adsl, tiro avanti col beneamato moden a 56k.
Praticamente il 70% dei consumi in bolletta è da attribuirsi a "numeri speciali 702 di altro operatore", ovvero me medesima che usa internet.
Un 20% riguarda le chiamate urbane, tutto il resto è noia, cioè no, il resto son chiamate a cellullari, ecc..
Vi dico solo che mammina non è stata molto contenta...
Vabbè, ce siamo capiti, non vi dico altro.
Notte 222

Ne avevo una bellissima da dire, se solo mi venisse in mente.../2

"Non a caso, la figura che più si avvicina a un autentico leader di movimento è il subcomandante Marcos, portavoce degli Zapatisti, che nasconde la sua vera identità e si copre il volto con una maschera.
Marcos, l'antileader per eccellenza, sostiene che la sua maschera nera è uno specchio, per cui: "Marcos è un gay a San Francisco, un nero in Sudafrica, un asiatico in Europa, un chicano a San Ysidro, un anarchico in Spagna, un palestinese in Israele, un indio maya nelle strade di San Cristobal, un ebreo in Germania, uno zingaro in Polonia, un mohawk nel Quèbec, un pacifista in Bosnia, una donna nella metropolitana alle dieci di sera, un contadino senza terra, il membro di una gang dei bassifondi, un operaio disoccupato, uno studente insoddisfatto, e, naturalmente, uno zapatista sulle montagne".
In altre parole, dice Marcos, egli è ognuno di noi: siamo noi stessi il leader che cercavamo."

NAOMI KLEIN (No logo)

Neologismi...il ritorno e la vendetta!

Questa sera mi telefona la mia amica, la "chimica" già nota per il post dell'epitoto.
Io: "Hey! Ti ricordi che te n'eri uscita con "epitoto" al posto di aneddoto? E io ti avevo detto che non esisteva? Beh, mi sbagliavo! Epitoto ha un significato! Solo che ora non me lo ricordo..."
Lei:" Ah, davvero? Beh, se vuoi guardo subito, ho il dizionario sotto mano..."
Io: "Beh, ma dai non importa..."
Lei:" No no, ecco l'ho trovato...Allora: impeto..."
Io: "Eh...no, guarda che devi guardare *epitoto*..."
Lei:" Ah, è vero...epintoto...cosa stavo guardando?! He he..."
Io:"Ehm....sì...senti, dai lascia stare...l'importante è che alla fine sta parola esisteva..."

20/02/2002

Se tornassimo indietro nel tempo di 3 anni, oggi sarebbe il 20/02/2002.
Non notate niente leggendo questa data?
Che la leggiate da sinistra verso destra o viceversa, il risultato non cambia.
Penso che si dica "palindromo" un numero del genere.
Quindi tre anni fa, oggi era un giorno palindromo.
Invece siamo nel 2005, e oggi è un giorno come un altro.
;) 222

Pazzesco!!!

Anni fa, pensavo di iscrivermi a Sociologia. E in quel periodo tutti gli studenti universitari che o intervistavano in tv o che incontravo, erano iscritti a sociologia...oppure la loro facoltà era " a fianco della facoltà di sociologia...", tutti gli esperti che intervenivano a qualche trasmissione erano sociologi...Manuela Arcuri si era appena iscritta a...Sociologia!!
Insomma, in quel periodo vedevo sociologia dappertutto.
Un altro esempio l'ho descritto nel post riguardo a Calvino.
Ora questa bizzarra situazione si ripete.
Giorni fa mi è arrivato il catalogo che (mensilmente) propone una serie di libri che puoi acquistare per corrispondenza.
Il libro che più mi ha colpito e che ho proprio intenzione di prendere è "Chiedi alla polvere", di John Fante. Bene.
Ieri sera vado a dare un'occhiata a Pagina 23. Indovinate? E' riportato un breve passo proprio di questo libro...
Due minuti fa, vado a guardarmi il blog dei Perturbazione e scopro che, il titolo del lor…

Nuove sfide.

Arriva un momento nella vita di ognuno in cui si ha bisogno di nuove sfide.
Un momento in cui non ci si accontenta più.
Un momento in cui si cercano nuovi traguardi.
E' in quel momento che il Solitario non ti basta più...e passi al Freecell.
Calmi calmi, non sto parlando per metafore di chissà quali pratiche!, mi riferisco proprio al Solitario e a Freecell, i giochini del pc con le carte.
Praticamente il solitario è diventato troppo facile, quindi sentivo la necessità di qualcosa di più impegnativo. E così ho scoperto Freecell. All'inizio muovevo le carte a caso, non capivo cosa si dovesse fare.
Ora più o meno ho capito e riesco pure a vincere qualche partita.
Quale sarà il prossimo passo? Conquistare il mondo???

Naturalmente sto vaneggiando.
In realtà la situazione è nera! Oramai non ho più la connessione a internet in ufficio e nei momenti "vuoti" non posso far altro che giocare! Deeevo farlo!!! Altrimenti mi addormento o divento matta! E ringrazio il cielo che non abbiano …

In anticipo.

"La vita comincia a quarant'anni".

E allora che diavolo ci mandano a fare con tanto anticipo?!

Psicosi 1

Dopo aver scritto il post della "Psicosi 2", mi sono arrivate migliaia e migliaia di e-mail che mi chiedevano di raccontare della "Psicosi 1". E siccome non posso deludere i miei 25 lettori (di cui 20 sono approdati a questo blog per sbaglio), vado a raccontare ciò che accadde nel lontano 1998.

Sera d'agosto, festa coi parenti stile "sagra paesana".
Mentre i matusa sono in giardino a bere caffè e ammazzacaffè, noi cugini andiamo a sederci sul muretto che da sulla strada.
Siamo io, mio fratello (Il covatore d'odio), mia cugina E., mio cugino M. e sua sorella G.
Tanto per darvi una coltellata nel fianco vi dirò che all'epoca eravamo piuttosto piccoli e sprovveduti: le più grandi eravamo io e mia cugina E. (15 anni), seguiva mio fratello (12), il cugino M. (11) e infine la cugina G.(5 anni).
Insomma siamo lì che parliamo e guardiamo chi passa per la strada, quando arriva un gruppetto di ragazzi in scooter.
Passano una volta e noi li guardiamo.
Poi torna…

Money for nothing.

Ieri dopo il lavoro sono andata a prendere due/tre robe in una specie di "acqua e sapone" de noaltri, poco lontano da dove lavoro.
Arrivo, prendo quello che mi serve, porto la roba alla cassa.
La commessa fa il conto: € 18,80.
Bene, apro il portafoglio eh....ORRORE!
5 euri e....basta!
Ma come 5 euro??? Son sicura che ne avevo almeno 20!!!
Intanto la ragazza già stava mettendo le cose nella busta.
Le dico:"Ferma, ferma!!! Ehm...non ho i soldi...non mi bastano per..."
Panico, vertigini, tutta la mia vita che mi passa davanti agli occhi, in un millesimo di secondo cerco di pensare cosa fare..."Magari coi 5 euro...poi ho un po' di moneta...No...neanche lo stesso...devo metter giù qualcosa..."
La commessa senza batter ciglio mi dice:" Quanti soldi hai?!", mentre dietro di me arriva altra gente, davanti a tutti, un panzone buontempone, con 10 confezioni di detersivo liquido per lavatrice che butta sopra il bancone senza tante storie.
"Non è possibile…

Ricorrenze.

"Il mondo spezza tutti quanti...ma quelli che non spezza li uccide. Uccide imparzialmente i molto buoni e i molto gentili e i molto coraggiosi. Se non siete fra questi potete essere certi che ucciderà anche voi, ma non avrà una particolare premura."

Ernest Hemingway - Addio alle armi -

Jeff from Orange County.

Stavo rileggendo la biografia di Jeff Buckley: era di Orange County.
Orange County che diventa "the O.C.", ovvero il posto che da il nome al telefilm omonimo.
Che sia per questo che "Halleluja" cantata da Buckley si sente sia nel primo episodio che alla fine dell'ultimo episodio della serie?

Ma...

E se nessuna ciambella riesce col buco?

Calvino.

No, non quello del Calvinismo, parlo dello scrittore.
Ho notato che in quest'ultimo periodo sento spesso nominare Calvino.
Ricordate l'episodio dell'epitoto? Ero a casa di questa mia amica che aveva parecchi suoi libri e mi li descriveva come molto belli, interessanti, "...se vuoi te li presto!" ("Grazie...li ho già letti alle medie..."), insomma, quasi come se fossero l'ultima novità del momento.
Poi, qualche sera fa, ho visto in replica un programma su All Music, a cui partecipava uno dei Tre Allegri Ragazzi Morti.
Costui, oltre a fare musica, disegna anche fumetti. Ecco, pure lui ha citato Calvino come fonte di ispirazione per i suoi lavori (in particolare ha citato Marcovaldo).
Son solo due episodi, ok...Ma se mi hanno portata a riflettere vuol dire che prima non lo sentivo nominare così spesso.
E' una riscoperta o Calvino è sempre "sulla cresta dell'onda" (passatemi quest'espressione, non mi piace ma non ne trovo una che dica pi…

Psicosi 2

A grande richiesta (vabbè, tre persone in realtà, ma visto che i lettori di questo blog non sono tanti di più, tre è già una buona percentuale!), vado a raccontare ciò che accadde ormai 3 anni fa, ovvero quei fatti che presero il nome di "Psicosi 2".

Marzo 2002.
Ero in gita in montagna con la scuola.
Una sera siamo in otto in una stanza a guardare la tv (sei ragazze e due ragazzi).
Ad un certo vado a cambiarmi e torno in camera mia. Al mio ritorno trovo un altro mio compagno di classe che bussa alla porta della stanza dove ci son tutti gli altri, ma nessuno gli apre.
Allora prendo e mi siedo su un puff nel corridoio. Sto tipo era un po', come dire, su di giri, quindi gli altri miei compagni non volevano farlo entrare.
Vedo che sto tipo inizia ad innervosirsi mentre continua imperterrito a bussare alla porta.
Cerco di calmarlo e gli dico:"Dai sta calmo, ora provo a bussare io...sta calmo su...".
Batto alla porta, niente.
Gli faccio:"Vedi? Non aprono neanche…

Dubbi geografici.

Avete presente la Nuova Caledonia?
Ecco. La domanda è: se esiste una Nuova Caledonia...ci sarà anche una vecchia Caledonia.
Ebbene...dov'è? Esiste? Le hanno cambiato nome?
Pensavo fosse la Scozia...ma non ci scommetterei più di tanto dopo la figura (naturalmente è stato un lapsus! :P) del passato remoto al posto di passato prossimo.
Mah!

Sto maaaleeeee!

Oggi sto decisamente male: ho passato quasi tutta la giornata a letto a rantolare.
Probabilmente ho un po' di febbre...me la sono misurata prima e il responso del termometro è stato 37 e 2, ma io l'ho ignorato.
Anche se non posso ignorare i dolori articolari, il mal di gola, il raffreddore, questo mondo malaaaaato, ecc...
Comunque, domani spero di stare meglio, ho un corso di contabilità e insomma, chi vorrebbe perdersi il corso di contabilità?
Buonanotte, vado a prendere un'aspirina...
Buon acido acetilsalicilico a tutti!

Bologna andata e ritorno.

Sveglia alle 5:30.
La mia amica è arrivata alle 6:20. Raccattiamo su il resto della combriccola e prendiamo l'autostrada. Passata Padova il paesaggio diventa una cosa incredibile. Sentivo una strana sensazione: da Padova in giù non ci sono montagne!
E' una cosa bruttissima, davvero io non ci sono abituata a vedere il cielo fino all'orizzonte. Da me o ci sono le montagne o comunque ci son piante. Là non c'è niente. Ferrara è il posto peggiore. Dall'autostrada vedi una distesa infinita di campi arati e canali. La terra non è nemmeno marrone scuro, è grigia. Le poche case che si vedono son cadenti e abbandonate. Oppure ci son fabbriche e ciminiere.
Alle 8:30 eravamo a Bologna. Abbiamo raggiunto a piedi il posto dove doveva dare un esame una delle mie amiche. Abbiamo dovuto aspettarla per due ore e, guarda un po' non c'era niente da vedere intorno.
Alle 12:30 esce e ci incamminiamo verso il centro. Full immersion nel mercatino (mercatino sta cippa, è grandissim…

Dubbi verbali.

Prendete la frase “Oggi splende il sole”.
Riuscite a renderla al passato remoto? Come diventa? “Oggi è splenduto”? Oppure “Oggi è splesso?” (splesso???!!!).
Questa questione mi fa lo stesso effetto della parola “comitiva”…

Nell'armadio.

Ho pensato che mi piacerebbe chiudermi nell'armadio.
Ma proprio armadio armadio, non gli stanzini-armadio.
Mi metto seduta dentro al buio in mezzo ai vestiti.
Secondo me è una cosa fantastica perchè è come non stare da nessuna parte. E' un non luogo.
"Dove sei?"
"Nell'armadio!".
"?!"
Mi è venuto in mente oggi mentre tornavo al lavoro. Pensavo se è possibile, mentre si sta andando in macchina, mettere la retromarcia: ad esempio sei ai 60 Km/h e metti la retro. E' fattibile? Ci proverei ma non ho coraggio...
Insomma pensavo a sta storia della retromarcia e in un attimo di lucidità mi son detta che era una cosa assurda. Così mi son venute in mente altre cose assurde che mi passano per la testa: guardare la lavatrice mentre fa il bucato per vedere le cose che ci son dentro che girano e vengono sommerse dall'acqua; dormire nella vasca da bagno (naturalmente col cuscino e la coperta) e poi quella di andare dentro l'armadio e stare lì den…