Luci ha imparato a nuotare, e a parlare di sè in terza persona come Fabrizio Ravanelli.

Missione compiuta. Quando ho iniziato il corso di nuoto, a fine settembre, ero terrorizzata dall'acqua. O meglio, non è che avessi proprio paura paura, solo che ero sempre lì lì per morire annegata.
Ora so nuotare, non ho tutta sta resistenza, però so nuotare, mal che vada mi metto sulla schiena stile "morto alla deriva".
Dopo il corso di giugno ho deciso di fermarmi, perchè sono stanchina, perchè fa caldo e perchè sì.
Ma, a Dio piacendo, ricomincerò a settembre.
Stasera, complice la pizza dopo la lezione e la partita della nazionale, ho passato una bellissima serata coi miei compagni di corso senza commuovermi come se stessero partendo per la guerra. Mi mancheranno ç_ç
Comunque la fine di questo primo anno non poteva ridursi ad una pizza in compagnia e baci e abbracci.
No.
Stavo tutta contenta a cantare "Addio spogliatoio, per un po' non ci vedremo piùùùùùù", quando mi sono raggelata pensando: "Dove ho messo la chiave?".
Panico. Ho rovesciato tutto il contenuto del borsone, ma della chiave neanche l'ombra. E certo che non la trovavo da nessuna parte.
L'avevo lasciata nella mia borsa, dentro l'armadietto, chiuso dal lucchetto.
Grazie al cielo la chiave del lucchetto della mia amica, stranamente, apre anche il mio lucchetto. (L'abbiamo comprato nello stesso posto ma...sì insomma, allora se tanto mi dà tanto... O_o).
E per fortuna tutto si è risolto nel migliore dei modi.

Commenti

Giovy ha detto…
Brava Luci!! Ben fatto!
Luci ha detto…
Grazie cara!

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Si fa presto a dire "catena"...