Le regole devono avere un inizio, una metà e una fine, eccetto...

1° giugno! Tempo di andare su SmashingMagazine per scegliere il nuovo sfondo per il desktop e tempo di godersi un meritato ponte del 2 giugno (Nessuno che si lamenta stavolta? Vi ricordate tutto quel polverone il 17 marzo? Le aziende che proprio proprio non potevano fermarsi un giorno in più! Ponte? Quale ponte? La crisi! Boh, non capisco...).
Stanotte ho fatto un sogno lungo quanto mozzafiato. Nel senso che nel sogno sognavo proprio di fare fatica a respirare. Sensazione che spero di non provare mai dal vivo. Come se non bastasse avevo anche sete, tanta, tanta sete. Perciò continuavo a bere acqua, ma più bevevo e più mi veniva sete.
Tutto questo mentre cercavo, senza successo, di preparare lo zaino per andare a scuola. Non avevo la minima idea delle materie che avrei avuto, sapevo solo che c'era inglese e io non avevo fatto i compiti (o non avevo studiato, non ricordo). Ovviamente ero in terribile ritardo, ma non riuscivo mai a finire di preparare lo zaino ed uscire di casa.
Praticamente un sogno con un mix di tutte le mie paure: la morte (non riuscire a respirare), l'andare a scuola impreparata e il non fare in tempo a fare qualcosa.
La sete ha una spiegazione più semplice: pizza con bresaola, rucola e grana.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Si fa presto a dire "catena"...