Questa mattina rispondo a tutti in modo gentile.

Il gestionale dava un errore. Ho chiamato l'assistenza tecnica e con voce melliflua ho spiegato il problema ad una tipa gentile. Continuava a scusarsi perchè il suo pc era lento e io la rassicuravo dicendo che non c'era nessun problema. Non avevo fretta.

Non ho più fretta in generale, non ha più importanza. Va comunque tutto avanti lo stesso come se niente fosse. Il traffico pauroso del lunedì mattina, il lavoro, il tempo, il freddo che ora si fa sentire, i problemi della gente, i clienti che chiamano, la tosse (cacchio, è tornata!).

Ieri una mia amica mi ha portata in un centro commerciale. Dopo un tempo x di fila in una specie di tangenziale (io sono campagnola, non le so distinguere le strade), e dopo aver individuato un posto libero per l'auto, sono scesa a presidiarlo. Dalla strada al parcheggio la mia amica ha impiegato 20 minuti (per fare 100 metri). 20 minuti durante i quali io non ero più io, ma un cono arancione (più alto e non arancione) che si congelava. Beh, pazienza il traffico, pazienza il freddo. Non c'è fretta, il pomeriggio è lungo. Le mie tribolazioni saranno ricompensate nel Regno dei Cieli e in qualche negozio...
L'amara realtà è che nei negozi non ho trovato nulla tranne un dolcevita color PAVONE.
Spero che mi vada meglio nel Regno dei Cieli.


Commenti

Post popolari in questo blog

Ho una mezza idea.

Si fa presto a dire "catena"...